Una giornata per combattere l'Aids

Il 1° Dicembre 1981 è stato diagnosticato il primo caso di AIDS. Dal 1987 l’Oms (Organizzazione Mondiale della Sanità) e l’Onu hanno istituito la Giornata Mondiale della Lotta all’Aids, proprio in questo giorno. Da allora sono morte 25 milioni di persone colpite dal virus. Oggi è necessario essere tempestivi nel diagnosticare la malattia e nel curarla. Purtroppo molti sieropositivi ancora oggi si sottopongono alle cure in ritardo.
Nel mondo sono moltissime le iniziative, simboliche e non. A Parigi la Tourre Eiffel  si spegnerà per 5 minuti alle 18,30. Il leader degli U2, Bono, e Nike hanno annunciato la campagna “Lace Up. Save Lives”: acquistando un paio di lacci (NIKE) RED, il 100% dei profitti derivanti dalla vendita sarà ripartito fra il Fondo Mondiale per la Lotta contro l’AIDS, la Tubercolosi e la Malaria e le iniziative legate al gioco del calcio rivolte alle comunità per aumentare l’educazione e la prevenzione all’HIV e all’AIDS.

 

Sulla Casa Bianca campeggia un enorme fiocco rosso. Obama ha firmato il 30 ottobre scorso il  Ryan White HIV/AIDS Treatment Extension che finanzia il programma federale americano di assistenza ai malati di Aids. Inoltre, il Presidente USA, ha posto fine al divieto che durava ormai da più di venti anni, più precisamente dal 1987, d’ingresso negli Stati Uniti per le persone malate di Aids o sieropositive.

 

In Italia per la prima volta i Parlamentari porteranno il fiocco rosso a Montecitorio e celebreranno l’avvenimento. Il Ministero del Welfare dal 1° dicembre farà partire la nuova campagna: “Aids: la sua forza finisce dove comincia la tua. Fai il test!”. La campagna si propone di contrastare l’abbassamento dell’attenzione della popolazione italiana nei confronti del problema AIDS ed in particolare di incentivare i giovani adulti (30-40enni), di qualunque orientamento sessuale, italiani e stranieri, ad effettuare il test HIV. La campagna prevede la diffusione sui principali circuiti televisivi e radiofonici di uno spot interpretato dall’attore cinematografico Valerio Mastrandrea e diretto dal regista Ferzan Ozpetek, e pubblicità sui principali organi quotidiani e periodici della carta stampata. In 11 province italiane, dove è attiva la sorveglianza delle nuove diagnosi di infezioni HIV, si è riscontrato  che nel 2008 sono stati diagnosticati 6,7 nuovi casi di HIV ogni 100mila abitanti. L’Italia è fra i Paesi dell’Europa occidentale con un’incidenza di HIV medio-alta che è maggiore al centro-nord rispetto al sud e isole.

 

Le iniziative per promuovere il preservativo sono tantissime: in circa 200 librerie italiane il 1° dicembre verranno distribuiti gratuitamente profilattici con il materiale informativo di prevenzione all’Aids. La campagna si chiama «Virus Free Day» del Cesvi di Bergamo e di Legami con il patrocinio della Presidenza del Consiglio dei ministri e del sostegno delle più note catene librarie italiane come Feltrinelli, Fnac, Librerie Coop, Melbook, Mondadori e Ubik.

 

Ilaria Cancelli

 

www.who.int