Un viaggio tra le due ruote

L’estate, il sole, le giornate che si allungano fanno venir voglia di ripercorrere le gesta di Wyatt, Billy e George. Complici il giusto suggestivo circuito stradale e un po’ di audacia, chiunque può trasformarsi in un vero biker. A patto di avere a disposizione gli ingredienti fondamentali. Due ruote e un motore sotto ad una sella.

Per fortuna che il mercato offre un ventaglio di moto di grossa cilindrata piuttosto ampio tra cui scegliere. Così che anche il motociclista più esigente può trovare la due ruote più adatta. Il problema, piuttosto, e districarsi tra la giungla di cilindri e candele che le diverse case contribuiscono a creare.

 

Yamaha XT1200Z Super Ténéré 2010

Un classico della Yamaha. Sono ormai passati trent’anni da quando la casa di Iwata a progettato la Super Ténéré per la Parigi-Dakar, una delle corse motociclistiche più impegnative al mondo. Era il 1979 la Yamaha vinse al debutto e l’anno successivo. Da allora, tanta acqua sotto i ponti e la Super Ténéré e’ diventato una moto leggendaria, grazie a versalità, potenza e quel fascino irresistibile ai patiti dell’avventura. Il nuovo modello è fresco di presentazione, avvenuta in anteprima in Germania a marzo e a Roma al MotoDays dello stesso mese per il mercato italiano.

Le caratteristiche non tradiscono il cuore da competizione della Super Ténéré 1200. Un bicilindrico fronte marcia da spavento, 1.199 cc con fasatura a 270° in gradi di erogare 110 CV a 7.250 g/minuto. Il propulsore è dotato di sistema YCC-T, Yamaha Chip Controlled Throttle (come sulle sportive R1 ed R6) e di controllo di trazione, per la prima volta montato da Yamaha su una moto di serie. E poi un comodo impianto frenante integrato, progettato per distribuire la frenata su entrambe le ruote. Una mota non da tutti, ma per chiunque si possa permettere i 15.290 euro per averla chiavi in mano.

 

Harley Davidson XR 1200 X

Raccontare un’Harley Davidson attraverso le caratteristiche tecniche del suo motore tipico (bicilindrico a V di 45° raffreddato ad aria completamente verniciato a polvere in nero opaco, da 90 cv a 7.000 giri), della distribuzione a due valvole e dei valori della sua coppia (10,2 kgm a 3.700 giri), è certamente riduttivo. Per quel che rappresenta e per i valori metafisici che porta con sé. Ma anche perché questo modello progettato per il 2010 è praticamente identico all’ XR1200, si distingue da quello dello scorso anno per il colore nero opaco della livrea, che rende questa Harley – incredibile ma vero! – ancora più cattiva. D’altra parte, l’Harley Davidson non ha bisogno di effetti speciali per scatenare la passione dei centauri. E’ la moto da viaggio per eccellenza, grazie a comodità, potenza e la sua innata capacità di infondere un illimitato senso di libertà a chi la guida. E tutto questo, alla modica cifra di 12.700 euro.

 

Le principali novità:

 

Aprilia RSV4 R
Versione meno sofisticata della RSV4 Factory SBK. Una sportiva purosangue, ma non così veloce come la versione Factory a causa dei 5 kg in più. Per contro, in vendita a CHF 21’000 circa, un po’ più economica.

BMW S 1000 RR
Missile da strada della Casa bavarese. La versione stradale della S 1000 RR del Mondiale Superbike convince per high-tech, basso peso e l’allettante prezzo di poco più di CHF 22’000.

Buell XB12SX
Con la XB12SX, basata sulla XB9SX, la famiglia streetfighter avrebbe avuto una degna erede: 13 CV e 25 Nm di coppia in più decisamente invitanti. Perché “avrebbe avuto”? Perché in ottobre Buell ha comunicato la cessazione della produzione per fine anno. Peccato!

 

Ducati Multistrada 1200
Nel 2010 la perla della Casa di Borgo Panigale sarà la Multistrada 1200. Chissà se riuscirà davvero a coniugare sportbike, citybike, tourer ed enduro da strada! Con tanta tecnica e un motore da 150 CV, la risposta potrebbe essere sì.

Honda VFR 1200
In primavera Honda lancerà sul mercato la VFR1200F, hightech sport-touring rielaborata. Motore V4, 172 CV, CBS-ABS e frizione antisaltellamento sono molto promettenti. Il prezzo? Circa CHF 25’000.

 

Kawasaki Z1000
Kawasaki propone la naked in un design completamente rivisitato e con un nuovo motore quattro cilindri in linea da 135 CV. Tocco carino per i patiti del design, la sella pitonata. Hsssss!

Moto Guzzi California 1600
Corre voce che Moto Guzzi stia preparando una cruiser di grossa cilindrata per il mercato americano. Non se ne conoscono i dettagli tecnici eccetto un presunto motore V2.


Triumph Rocket III Roadster
Triumph ha rivisitato la Rocket III. Il risultato? Motore tre cilindri, 148 CV (anziché gli attuali 139) ed un’imponente coppia di 221 Nm. Per dominare questa mastodontica inglese da 367 kg debutta anche l’ABS di serie.

Aldo Gianfrate