Torino la prima città italiana a sperimentare la guida autonoma

La guida autonoma sbarcherà presto in Italia. O meglio, i primi tentativi di guida autonoma in Europa si effettueranno a Torino, a partire dal prossimo settembre. Degli “esperimenti” che sono già iniziati negli Stati Uniti (non senza qualche problema) e che nel giro di qualche settimana vedremo anche sulle strade torinesi. Le prime macchine a guida autonoma (cioè senza conducente) circoleranno in un percorso prestabilito del capoluogo piemontese, che conferma la sua intraprendenza in campo tecnologico dopo essere già diventata una delle capitali italiane (e europee) della rete 5G. 

Il tragitto che verrà percorso dalle prime auto a guida autonoma partirà da Corso Regina Margherita, arteria alla quale si ricongiunge per San Donato, passerà per Mirafiori Sud, Santa Rita e San Salvario, interessando quindi anche il centro della città (un tracciato che potrebbe però subire delle piccole modifiche). Un coraggioso tentativo da parte della città che, si spera, possa convincere altri centri italiani a sperimentare questo nuovo, e innovativo, tipo di mobilità, abbracciando il progetto “Smart Road“.

Il percorso– ha detto Paola Pisano, Assessore all’innovazione – dovrà essere validato anche dalle case costruttrici che verificheranno se risponde alle caratteristiche necessarie per i test. L’area risponde alla richiesta della Città di collegare la zona ospedali alle stazioni”. Ora l’autorizzazione finale passa attraverso il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, che deve dare il proprio definitivo nullaosta.