Storia e tradizione nei mercatini di Natale

Luci scintillanti, addobbi scarlatti e il profumo dei dolci che si espande tra i vicoli delle
più famose e storiche località italiane sono un invito per un viaggio all’insegna della tradizione. Folcloristici e ricchi di storia sono sicuramente i mercatini di Natale. Le prime tracce risalgono al 1434 nella cittadina tedesca di Desdra. Inizialmente l’evento era conosciuto come Striezelmarkt, mercato degli ‘Strezel, dolce tipico tedesco. Successivamente, durante la riforma protestante, fu ribattezzato “Christkindlmarkt”. Questa tradizione, partendo dalla Germania, si è prima diffusa nel Nord Italia, mantenendo molte caratteristiche tipiche tedesche, per poi diffondersi in tutta le nostra penisola modellandosi di paese in paese.
Il ponte dell’8 dicembre è alle porte, quale occasione migliore per immergersi nella magica atmosfera dei mercatini natalizi?
Ecco sei mete che percorrono L’Italia da Nord a Sud:

 

Bolzano: “1000 luci illuminano Piazza Walther”
Piazza Walther e la Piazzetta della Mostra si trasforma in un punto di incontro per chi ama le idee fatte a mano. Giovani artigiani provenienti da tutta Europa espongono le loro creazioni manifatturiere, tra cui articoli in pelle, lana, ricamati e decorati, ma anche bracciali, collanine, giocattoli in legno e tamburi.
Sarà possibile visitare il quieto giardino di Palazzo Campofranco all’interno del quale si trova il “Bosco Incantato”: numerosi alberi di natale, casette decorate,  musiche tradizionali e cantastorie allieteranno le passeggiate di grandi e piccini. E proprio per chi più di tutti aspetta il Natale è stata organizzata una vasta scelta di intrattenimenti, che va dal giro in carrozza, alle passeggiate sul pony, dallo spettacolo delle marionette al presepe vivente.
Numerosi punti di ristorazione offrono menù caratteristici a prezzo fissi, mentre gli esercizi alberghieri hanno già predisposto convenienti pacchetti, anche infrasettimanali.
http://www.bolzano.net/mercatinobolzano.htm

 

Brunico: “Vivere il Natale”
Per gli appassionati di sport invernali, ecco un ottimo connubio tra movimento e relax. La vicinanza tra le piste e gli stand permette infatti di godersi la magica atmosfera che questi storici mercatini sono in grado di diffondere, anche dopo un’intensa giornata sportiva.
Le principali vie della cittadina e Piazza Municipio si animano con concerti di strumenti a fiato, tromboni e  tamburi. Il sabato e la domenica è invece possibile effettuare gite turistiche nel centro storico e degustare gratuitamente i prodotti caseari della regione. Per i bimbi sarà invece un Natale fatto di fiabe, disegni e creatività.
www.brunico.it

 

Aosta: “Marché Vert Noël”
Letteralmente “Mercato Verde di Natale”, per assonanza  “Camminare verso il Natale”. Questi i significati e la spiegazione della scelta di questo singolare nome, rinnovato proprio quest’anno. Come rinnovata sarà la scena che ospiterà questo mercatino: nella piazza principale della città, Piazza Chanoux, un tipico villaggio alpino costituito da 25 chalet, strade e piazze, racchiuso in un bosco di abeti. Tutto completamente creato appositamente per questo evento. L’esposizione prevederà una vastissima varietà di prodotti: candele, saponi artigianali, prodotti in lana cotta, feltro e pizzo. Non possono mancare oggetti in legno e ceramica e ancor meno i prodotti eno-gastronomici tipico valdostani.
www.comune.aosta.it

 

Ovindoli, L’aquila: Cioccovindoli
Dal 6 all’ 8 Dicembre si celebrerà nello splendido paesino abruzzese la festa del cioccolato.
Gli ospitali abitanti mettono a disposizione le loro cantine e legnaie  per la vendita dei più originali prodotti gastronomici, ma tutti rigorosamente di cioccolato. Personaggi del presepe, campane, agnellini, buoi ed asinelli. Queste le forme tipiche dei prelibati dolcetti. Ma anche liquori, vini e castagne. Non mancano poi gli ottimi ristorantini in cui assaporare le prelibatezze tipiche del posto. Anche qui, per gli amanti dello sci, la neve sulle piste del vicinissimo Monte Magnola è assicurata.

 

Roma: mercatino storico di Piazza Navona
Roma, con le sue antichissime tradizioni, incanta ogni anno milioni di visitatori. Nel periodo natalizio le iniziative a tema sono tantissime, ma l’attrazione più grande è di certo la splendida Piazza Navona. Bancarelle di dolci e ciambelle giganti, mele stregate e giochi di ogni tipo invadono l’intera piazza che con la sua Fontana dei Fiumi del Bernini racchiude in se tutto il mondo. Per i più piccini una bellissima giostra  dorata e il carro di Babbo Natale e la Befana per una bella foto ricordo.

 

Napoli: Via San Gregorio, una via di presepi
Napoli e presepi. Un sinonimo inscindibile da secoli. Via San Gregorio nel periodo dell’Avvento si fa mercato. Una calca di turisti provenienti da tutto il mondo la pervade. Quella della città campana è una delle tradizioni più note d’Italia, che ogni anno viene riconfermata. Statuine di tutti i tipi, di tutte le  grandezze e forme. Spaziano dai personaggi del presepe ai quelli della politica, dai calciatori alle modelle. Insomma, il presepe napoletano è il più variegato al mondo.

 

Eleonora Bracalenti