Musica, Maestro! I festival di musica classica che animano lo Stivale

Dal meraviglioso scenario della costiera amalfitana si risale verso un altro prestigioso palco del panorama musicale italiano, quello dell’Arena di Verona. Un festival quasi centenario quello dell’Arena Opera Festival, a quota novantasei edizioni, che dal 22 giugno al 1° settembre porta in scena alcuni capolavori della letteratura operistica.

In calendario: le verdiane Aida, diretta da tre grandi maestri, Jordi Bernàcer, Daniel Oren, Andrea Battistoni, e l’amato Nabucco, dopo il successo riscosso lo scorso anno. Alla Turandot di Puccini sono dedicate cinque rappresentazioni, arricchite dai costumi del premio Oscar Emi Wada, e altrettante date al Barbiere di Siviglia, con le coreografie di Leda Lojodice.

Spetta tuttavia all’opéra-comique di Bizet, la Carmen, inaugurare il festival veronese; sarà messa in scena per tredici serate, con una produzione del tutto nuova ma non dimentica dell’enorme eredità lasciata da Franco Zeffirelli. L’allestimento è dell’argentino Hugo de Ana, il quale ha deciso di collocare la sua Carmen negli anni ’30 del XX secolo, mentre italiana è la direzione orchestrale, affidata a Francesco Ivan Ciampa.

Completano il quadro due eventi da non perdere: lo spettacolo “Roberto Bolle & Friends”, che per il quinto anno consecutivo porta sul palco di Verona un mix di danza classica e contemporanea, e il Verdi Opera Night (26 agosto). La serata omaggia il genio di Busseto proponendo i principali atti della trilogia Rigoletto, Il Trovatore e La Traviata, eseguiti dalle stelle del firmamento lirico internazionale.

Insomma, lo storico appuntamento estivo nella città di Romeo e Giulietta presenta una stagione operistica di eccezionale livello, affiancando grandi nomi e giovani promesse nella magica atmosfera dell’anfiteatro romano.