L'italiana Theresianer, un faro per chi vuole gustare un'ottima birra

La birra Theresianer deve il suo nome all’antico borgo Teresiano, il quartiere di vivace attività commerciale di Trieste. Qui, nel 1766, nacque la prima fabbrica di birra grazie alla licenza concessa dalla sovrana Maria Teresa D’Austria. In questo luogo, i migliori mastri birrai di Vienna portarono la propria sapienza e dedizione, caratteristiche delle quali Theresianer ha fatto tesoro, riprendendole, oltre duecento anni dopo, nel suo stabilimento di Nervesa della Battaglia.
 
La lanterna di Trieste è stata scelta come simbolo non a caso: Theresenier rappresenta infatti un approdo sicuro per tutti gli amanti della buona birra. La passione e la ricerca della qualità la ispirano, infatti, nella scelta delle migliori materie prime, nel rispetto della rinomata “Legge di Purezza” sancita nel 1516 da Guglielmo IV.
 
La sua qualità è riconosciuta e premiata in tutto il mondo: dal 2005, Theresianer è una delle protagoniste del prestigioso “Concorso internazionale di qualità per la birra e le bevande a base di birra” promosso da DLG, l’ente delegato alla promozione dei prodotti agricoli dal Ministero dell’Agricoltura Tedesco. Inoltre, questa birra italiana partecipa al World Beer Championship di Chicago e all’International Beer Challege di Londra, in un confronto imparziale tra i brand più prestigiosi.
Per gli alti standard di qualità raggiunti, Theresianer ricerca anche la migliore efficacia nella distribuzione.
 
I suoi estimatori possono gustarla grazie a una rete di oltre 90 concessionari, che garantiscono la massima freschezza del prodotto servito nei migliori pub, ristoranti, enoteche e negozi di alta gastronomia in Italia e nel Mondo. Nei migliori negozi specializzati, invece, è possibile acquistare le varie tipologie di questa birra, in modo da portarsi a casa tutto il sapore di un prodotto italiano di qualità.