Incontri d’arte

Non poteva dunque mancare la sezione Photo – con 12 gallerie a cura del fotografo professionista Andrea Pertoldeo – dal momento che, come tiene a sottolineare Angela Vettese, “anche la fotografia quest’anno è stata distribuita all’interno dei padiglioni, non volendo sottolineare alcuna supremazia o differenza tra l’uso delle varie tecniche artistiche. Il presupposto teorico che sottende tale decisione è che l’arte visiva si è guadagnata, nel corso dell’ultimo secolo, una libertà senza precedenti nell’utilizzo del suo modus operandi e dei diversi linguaggi.”

Spazio anche all’editoria che con 22 espositori prende posto nella sezione dedicata: Printville. Un arricchente incontro che accoglie riviste da tutto il mondo e supporta le migliori realtà italiane specializzate in editoria, grafica, fotografia e altre materie artistiche.

Anche quest’anno la Fiera riconoscerà i migliori “attori” con tre diverse tipologie di premi: il Premio EuroMobil, giunto alla 12esima edizione, raggruppa gli artisti under trenta italiani e stranieri le cui opere sono esposte ad Arte Fiera. Il secondo è il Premio #ContemporaryYoung lanciato da un gruppo di industriali di Bologna che apre a tutti gli artisti under 40 la possibilità di vincere con le opere esposte alla Fiera, a prescindere dalla tecnica utilizzata; unica condizione per concorrere è che il concetto dell’opera sia riconducibile all’immagine del fare e del costruire. L’opera che si aggiudicherà il premio entrerà a far parte della collezione dei Giovani Imprenditori di Confindustria Emilia. L’ultimo riconoscimento è il Premio Angamc alla carriera, un merito annuale alle opere e alla storia di un gallerista affiliato ad Angamc (Associazione Nazionale Gallerie d’Arte Moderna e Contemporanea), quest’anno assegnato al gallerista milanese Giorgio Marconi.