Harry Potter vietato in una scuola degli Stati Uniti: “Può evocare il maligno”

Una scuola cattolica americana ha bandito dalla propria biblioteca l’intera saga dei libri di Harry Potter, il giovane mago nato dalla penna della scrittrice J.K. Rowling.

autore Dmitry Abramov da Pixabay

La causa di questa presa di posizione da parte di un istituto privato di Nashville, in Tennesse, sembra provenire dalla convinzione che i libri in questione possano contenere vere formule magiche ed incantesimi, in grado di evocare spiriti maligni alla presenza di chi li legge.

Per questo motivo i genitori della St. Edward Catholic School si sono ritrovati una mail, firmata dal reverendo Dan Reehil, preside della scuola, nella quale si comunicava che i loro figli non avrebbero più avuto accesso alla saga scritta dalla Rowling.

Da ciò che viene riportato sul quotidiano locale Tennessean, nella mail in questione il reverendo afferma che i libri di Harry Potter “raffigurano la magia sia come bene che come male, e tutto ciò non è vero”. 

La sua tesi si basa sulla convinzione secondo la quale le avventure del piccolo stregone sarebbero “un inganno ben studiato”, in cui l’autrice britannica avrebbe inserito “vere maledizioni e veri incantesimi che, se letti da un essere umano, potrebbero invocare spiriti maligni”.

Prima di procedere con il divieto della saga che ha incantato milioni di ragazzi e ormai diverse generazioni, Reehil avrebbe anche consultato alcuni esorcisti, sia negli Stati Uniti che a Roma, che lo avrebbero incoraggiato a procedere in ragione del realismo con cui J.K. Rowling descrive malefici, pozioni ed incantesimi.

La Chiesa Cattolica in realtà non ha mai preso posizione nei confronti di Harry Potter, anche se in passato ci sono stati diversi episodi che ne hanno demonizzato la natura, e persino Rebecca Hammel, sovrintendente delle scuole della diocesi cattolica di Nashville, è intervenuta a riguardo, dichiarando di non sapere cosa sia successo per provocare una reazione del genere.

Lo stupore riguardo la notizia, seguito da una dilagante ironia, sta ora facendo il giro del mondo, e il solo pensiero che al suono di un’Avada Kedavra uno spirito maligno possa uscire dalle pagine di quei libri che hanno insegnato a tanti bambini l’amore per la lettura, fa inevitabilmente sorgere un sorriso sulle labbra.

Antea Ruggero

Cover ph. Herrfilm da Pixabay