GOMORRA 3: LA RESA DEI CONTI SI AVVICINA

“A’ finè ro’ juorno sta tutta ca’”. Queste le parole che sanciscono la clamorosa uscita di scena del potente boss camorristico Pietro Savastano, tradito dal suo stesso sangue, da quel figlio, Genny, mai pienamente capito e apprezzato, nonostante un percorso di crescita criminale duro e sofferto.

A giustiziare Pietro, davanti alla tomba dell’amata Donna Imma, proprio l’acerrimo nemico Ciro, l’Immortale, nemesi e controparte irriducibile, in un climax violentissimo di odio e vendetta, scaturito dal desiderio di annientamento reciproco che aveva spinto prima Ciro ad eliminare Imma e poi Pietro a ordinare la morte della giovanissima figlia del suo ex braccio destro. Mentre Pietro Savastano muore, Genny, il figlio traditore, stringe tra le braccia il suo bambino appena nato, a cui assegna il nome del padre in un morboso gioco di rimandi e di continuità velenosa. La seconda stagione di “Gomorra”, prodotto di punta della fiction italiana contemporanea, realizzato da Sky e distribuito con successo anche all’estero, si concludeva in questo modo, ormai più di un anno e mezzo fa, lasciando aperti moltissimi interrogativi e possibili scenari circa il riassestamento degli equilibri criminali a Napoli dopo la dipartita di Don Pietro.

A partire dal 17 novembre 2017, su Sky Atlantic, torneranno in campo i protagonisti feroci e allo stesso tempo ordinari, quasi comuni, della Gomorra svelata da Roberto Saviano, storie e personaggi aderenti a una realtà ancora ben presente, che hanno tenuto incollati al piccolo schermo milioni di telespettatori, affascinati da quel male così vicino al quotidiano di ognuno da rendere inevitabile il lasciarsi travolgere e appassionare dalle vicende raccontate, in una sorta di bagno catartico di consapevolezza del marcio, che non esclude nessuno, che molto spesso è dentro il nostro intimo, in determinati modi di pensare e di agire. Prodotta da Sky Atlantic, Cattleya e Fandango in collaborazione con Beta Film, da un’idea di Roberto Saviano, il progetto della terza stagione è affidato a Claudio Cupellini e Francesca Comencini e interpretato da Marco D’Amore, di nuovo nei panni del tormentato Ciro di Marzio, Salvatore Esposito, alias Genny Savastano, Cristiana Dell’Anna, nel ruolo della bella e giovane Patrizia e Cristina Donadio, l’astuta e crudele Scianèl. Due giovani attori napoletani saranno le new entry della stagione: Arturo Muselli vestirà i panni di Enzo, capo di una nuova fazione che vuole approfittare della morte di Don Pietro per prendere il “comando” di Napoli, e Loris De Luna, l’interprete del personaggio di Valerio, un ragazzo di buona famiglia il cui obiettivo è quello di entrare a tutti i costi nel giro di affari della malavita. Per quanto riguarda gli altri membri del cast già noti al grande pubblico, ritroveremo Fabio De Caro (Malamò), Ivana Lotito (Azzurra, moglie di Genny) e Gianfranco Gallo (Giuseppe Avitabile, padre di Azzurra).

La storia riprende dai concitati momenti che seguono l’agguato a Don Pietro, interpretato per due stagioni da uno strepitoso Fortunato Cerlino: il boss è morto e lascia un vuoto di potere che appare incolmabile. Ciro infatti ha ottenuto la sua vendetta, ma pagando un prezzo altissimo: i suoi sogni e la sua famiglia sono distrutti, l’ambizione non può consolarlo per tutto ciò che ha perso, mentre Genny sembra essere il vincitore della partita, ma deve capire come gestire insieme i suoi due mondi, Roma e il suo presente con Azzurra e il figlio neonato e Napoli, il passato, eredità ingombrante del padre che non c’è più proprio a causa sua. E se Scianèl ha perso un figlio, Patrizia invece ha perso un compagno: anche nel loro futuro si stende l’ombra dell’incertezza. A chi vorrà regnare sull’impero costruito da Pietro Savastano non basterà convincere i nemici di ieri a diventare gli alleati di domani. La partita è apertissima e tutti i giocatori, chi in attacco, chi in difesa, sono intenzionati a mordere per salvaguardare o ottenere ciò che ritengono appartenere loro di diritto. Una nuova guerra è alle porte e all’orizzonte sembra profilarsi sempre più concretamente uno scontro all’ultimo sangue tra Ciro e Genny, due facce della stessa medaglia fatta di perdizione e rovina.

La curiosità è alle stelle, tanto che in Rete già abbondano teorie sui principali sviluppi della trama: una delle più accreditate dai fan ventilerebbe l’instaurarsi di una relazione tra Genny e Patrizia, ex donna e amante di Pietro, mentre, dopo il micidiale accordo tra Genny e Ciro per togliere di mezzo Don Pietro, le strade dei due ex amici torneranno inevitabilmente a divergere, per porre in essere le condizioni della tanto attesa resa dei conti finale. La crescita costante e massiccia dell’apprezzamento del pubblico nei confronti della serie ha convinto i produttori a pensare ad un lancio specialissimo per la nuova stagione, che infatti verrà trasmessa in anteprima al cinema: il 14 e 15 novembre, in 300 sale italiane, si potranno vedere due episodi, il primo e il terzo. L’operazione di Sky e Vision, mai tentata prima in Italia, precede la messa in onda su Sky Atlantic il 17 novembre e segna una svolta nella fruizione dell’audiovisivo, che diventa così sempre più crossmediale. Intanto, la serie è già stata rinnovata per una quarta stagione. Tra alleanze e strategie, rimarremo senza dubbio incollati allo schermo, pronti a scoprire nuovi tormentoni e a lasciarci lacerare il cuore e l’anima da inaspettati e cruenti colpi di scena.