Fuorisalone 2011: gli studenti reinterpretano Volvo Trucks

Volvo Trucks spalanca le porte ai giovani e coinvolge gli studenti di Politecnico di Milano, IED e IULMin una temporanea inedita sul design e sul linguaggio creativo. L’iniziativa, intitolata I  WE, nasce dalla collaborazione della filiale italiana di Volvo Trucks con il celebre designer Sergio Pappalettera, tra i più apprezzati sperimentatori contemporanei del linguaggio e della materia.
Coerentemente con il carattere concreto del marchio Volvo Trucks, i lavori degli oltre 80 studenti coinvolti nel progetto saranno parte integrante dell’esposizione allestita dal brand svedese nei giorni del Fuorisalone di Milano. La mostra, oltre ad ospitare diverse personalità appartenenti al mondo della cultura e dell’arte, dedicherà infatti uno spazio e una serata speciale ai suoi più autentici protagonisti, gli studenti, premiando le installazioni più meritevoli con tre borse di studio.

Gli studenti del Politecnico di Milano coinvolti nel progetto sono quelli del DipartimentoIN.D.A.CO., polo di ricerca e sperimentazione della Facoltà del Design specializzato in Industrial Design, Arts & Communication. Sotto la guida e il coordinamento del Prof. Mario Bisson, gli studenti si cimenteranno nell’interpretazione di alcune componenti dei veicoli industriali Volvo, esplodendo la morfologia dei materiali in libere installazioni artistiche.

Diversa e altrettanto interessante la sfida per gli studenti di IED e IULM, chiamati a dare forma ad uno dei concetti fondanti della cultura e della comunicazione di Volvo Trucks: la sicurezza.
Per l’Istituto Europeo di Design, a partecipare all’iniziativa saranno un gruppo di studenti di Art Direction, Copywriting, Grafica e Illustrazione, supervisionati dal docente e Art Director Andrea Castelletti. Sergio Pappalettera ha incontrato presso la sede milanese dello IED i giovani creativi e a chiesto loro di ripensare e interpretare il tema della sicurezza nella sua accezione più ampia, di rielaborarlo attraverso approcci diversi e innovativi con l’obiettivo di darne una rappresentazione grafica.

A concorrere per lo IULM sono invece gli studenti del corso di Creatività e Cross Medialità, tenuto dallo stesso Sergio Pappalettera, e di Digital Entertainment, coordinato dal Prof. Fabrizio Vagliasindi. I ragazzi interpreteranno il concetto di sicurezza avvalendosi degli strumenti e delle tecniche della moderna cross medialità: fotografia, cinema, video, teatro, musica, grafica, web design, video-istallazioni fino al linguaggio del videogioco.

Grazie al contributo dei giovani, all’interno della suggestiva cornice del Montanari Showroom(situato in via Alessandria 5, a pochi metri da Porta Genova), dal 12 al 16 aprile sarà così possibile percorrere le tappe di un racconto estetico dai contorni discreti, espressione di un’etica profondamente concreta e che, in linea con i fondamenti della cultura svedese, trova il suo perfezionamento nelle dicotomie luce-buio, semplicità-funzionalità, individuo-società. Sotto la regia di un maestro del design del calibro di Sergio Pappalettera, Volvo Trucks snoda così I  WE, un percorso che, prendendo le distanze dall’individualismo imperante degli ultimi tempi, propone un ritorno al mondo dei legami, delle connessioni reciproche e delle interdipendenze; una storia autentica che pone l’accento sul “noi” e invita così a tornare a parlare al plurale; un viaggio inedito, che apre domande e lascia liberi di trovare risposte.

Le realizzazioni degli studenti saranno esposte per tutta la durata della mostra in tre sezioni distinte per università. La sera di mercoledì 13 aprile, alla presenza del curatore artistico Sergio Pappalettera e del padrone di casa Marco Lazzoni, AD di Volvo Trucks Italia, una giuria di esperti selezionati appartenenti al mondo del design e della comunicazione (Rikard Orell, Disegn Director di Volvo Truck Corporation, Marco Lodola, tra gli esponenti più noti dell’attuale panorama artistico italiano, famoso per la sua capacità di mescolare l’arte con letteratura, musica, cinema e design, e il Prof.Domenico De Masi, sociologo e Professore ordinario di Sociologia del Lavoro presso l’Università La Sapienza di Roma) assegneranno alle interpretazioni più meritevoli tre borse di studio.

Lo spazio sarà aperto al pubblico tutti i giorni da martedì 12 a sabato 16 aprile, dalle ore 18.00 fino alle 24.00.