Capodanno: l’Europa in 8 passi

Che sia un anno da ricordare o da dimenticare, quella del 31 dicembre è sempre una notte che vale la pena festeggiare in grande stile. Se possiamo farlo in viaggio, tanto meglio …

Un viaggio può essere la soluzione perfetta per fare qualcosa di diverso dal solito e respirare un’atmosfera nuova e benaugurante. Quest’anno, inoltre, il calendario invoglia alla partenza e prenotando in anticipo è possibile approfittare delle proposte di molti tour operator per tante destinazioni europee. Tra fuochi d’artificio, appuntamenti culturali, tradizioni e la giusta dose di stravaganza, è sicuramente possibile trovare la propria festa, e meta, ideale per trascorrere l’ultima notte dell’anno.

PARIGI

Simbolo per eccellenza di romanticismo ed eleganza, la regina indiscussa del Capodanno parigino è la Torre Eiffel, pronta a illuminarsi e a regalare il consueto spettacolo di luci che ci porta verso il 2020, magari con in mano un calice per il brindisi allo Champ de Mars. La stessa atmosfera magica può essere vissuta navigando lungo la Senna a bordo dei tradizionali bateaux-mouches, che offrono un colpo d’occhio senza eguali sulla città e le sue luci. Parigi fa rima anche con Champs-Elysèe: da non perdere il meraviglioso spettacolo di luci e proiezioni video che verrà realizzato sull’Arco di Trionfo. Dedicate un pomeriggio ad assaggiare le delizie proposte dai mercatini che popolano la città: un’esperienza che non può mancare per vivere la vera atmosfera festiva.

PRAGA

Praga è un vero e proprio museo di architettura a cielo aperto, grazie alla sua incredibile varietà di stili che fanno la gioia di tutti gli appassionati di city sightseeing e soggiorni culturali: dal gotico al barocco, passando per il moderno e il rococò.

Per festeggiare l’arrivo del nuovo anno, da non perdere le feste in piazza tra mercatini, vin brulè e gli spettacolari fuochi d’artificio che possono essere ammirati sul ponte Carlo oppure lungo le rive della Moldava. Chi preferisce una postazione panoramica per ammirare i fuochi sullo sfondo della città illuminata a festa può optare per la collina di Petrin, mentre a chi ama l’Estates Theatre proponiamo un raffinato concerto di gala dedicato interamente alle opere di Mozart.

BUDAPEST

Divertente e rilassante: durante le festività invernali Budapest sfoggia il suo volto più allegro e scintillante, animata da decine di mercatini e dal profumo fragrante del Kurtoskalacs, dolce da strada di origine magiara, protagonista assoluto del periodo natalizio.

A Capodanno la scelta spazia dai concerti dell’Opera, che mette in scena Il Pipistrello di Johann Strauss (ma bisogna prenotare in anticipo) ai party più esclusivi in discoteca. Chi preferisce festeggiare all’aperto può salutare il nuovo anno sul Ponte delle Catene, ammirando i giochi pirotecnici riflessi sul Danubio. E dopo una nottata di divertimento, ci si può ritemprare in una delle accoglienti pasticcerie, ricche di tentazioni per il palato, oppure in uno dei numerosi e scenografici centri termali.

LONDRA

Tra ristoranti alternativi, pub, discoteche, teatri off e gallerie d’arte, Londra è la città che meglio si presta a mettere d’accordo tutti nella scelta della notte di Capodanno ideale! Gli spunti non mancano … e non manca la giusta dose di tradizione: l’appuntamento per eccellenza è quello con gli spettacolari fuochi d’artificio che illuminano il cielo sopra il London Eye.

Per osservarli nel migliore dei modi è consigliabile acquistare il biglietto per accedere all’area riservata sulla sponda opposta del Tamigi. Passata la notte di Capodanno, il primo giorno del 2020 si svolge la consueta London New Year Day Parade: una immensa parata con bande musicali, cheerleaders, carri e riproduzioni su gomma di locomotive a vapore, che sfila nel centro città, da Parliament Square a Piccadilly Circus Street.

MADRID

Eccentrica e festaiola, Madrid saluta il nuovo anno con un programma di eventi che proseguono fino all’alba. Prima di festeggiare in discoteca, gli amanti della movida si danno appuntamento a Puerta del Sol per ammirare i fuochi d’artificio indossando le pelucas, stravaganti parrucche che possono essere acquistate nei mercatini presenti nelle varie piazze del centro della città.

Come a Barcellona, anche nella Capitale spagnola le persone si riuniscono intorno alla mezzanotte per rispettare l’usanza dei 12 chicchi d’uva da mangiare uno dopo l’altro (ma c’è anche chi li mangia in un sol boccone) allo scoccare del nuovo anno, in segno di prosperità.

BARCELLONA

A Barcellona i primi secondi dell’anno nuovo vengono scanditi dal rito propiziatorio dei 12 chicchi – tanti quanti i mesi dell’anno – da mangiare proprio allo scoccare della mezzanotte per augurarsi un anno ricco di prosperità. Successivamente, tappe obbligate alla Plaça de Catalunya, dove sarà presente un maxischermo sintonizzato su Plaza del Sol a Madrid, oppure lungo le famosissime Ramblas, dove i festeggiamenti proseguono fino al mattino. Qualche idea su dove passare le primissime ore del 2020? I localini del Barrio Gotico e le discoteche di Avinguda del Tibidabo e dell’Avinguda Diagonale, così come tutti i locali di Barcellona, organizzano feste, eventi e serate per celebrare il Capodanno. C’è l’imbarazzo della scelta.

BERLINO

Il Capodanno a Berlino si festeggia all’aperto, partecipando all’open-air party nei pressi della Porta di Brandeburgo: più di 2 km di stand con spettacoli, musica dal vivo ed esibizioni di artisti di fama internazionale. Il momento clou ovviamente è a mezzanotte, quando si saluta il nuovo anno con grandi spettacoli pirotecnici.

Berlino è la meta ideale anche per i più giovani e “festaioli”: è Mitte il quartiere perfetto per chi vuole trascorrere l’ultima notte dell’anno a ritmo di musica e divertimento, con i suoi infiniti party organizzati nei club più importanti e famosi.