Al Ristorante Baccano di Roma la drink list cocktail di Mario Farulla

Presentato il nuovo menu del cocktail bar del Ristorante Baccano di Roma (via delle Muratte, 23), dietro Fontana di Trevi, tempio dei cocktail del barmanager Mario Farulla, che, con l’aiuto del barman Massimo Macrì de I Maestri del Cocktail ha ideato un nuovo menu che prende spunto dalle scoperte che hanno segnato il Novecento. La capacità di sognare con la magia del cinema, i progressi scientifici della penicillina e dell’anestesia, la velocità, concetto sempre più moderno dell’automobile, ancor più esaltata con il volo, ma anche l’idea di proiettarsi oltre i propri confini con la scoperta della Via Lattea o di restare connessi a distanza con il telefono.

Sono questi eventi, che hanno segnato il secolo scorso e continuano a segnare il presente, a fare da base per i nuovi cocktail. Dall’automobile ai raggi X – raccontati con il gusto della vodka Elit – dalla macchina da scrivere al volo – che ha il sapore del bourbon Maker’s Mark, dalla penicillina alla scoperta dell’antica Pangea, le scoperte scientifiche del secolo passato sono fonte di ispirazione ora anche al bancone di un bar. A dimostrazione di come anche il bar è, a suo modo, luogo di scoperte, di sperimentazione e di ricerca. Ogni signature drink ha una composizione di ingredienti pensata ad hoc perché si colleghi a una scoperta. Ogni ricetta, poi, ha una storia da raccontare, descritta nel diario/menù. Celebrare il Novecento con la sua modernità, significa implicitamente celebrare il bar e uno dei suoi protagonisti principali: il cocktail.

Cos’è, in fondo, il cocktail, se non la quinta essenza del mondo moderno? Bevanda ‘veloce’, essenziale, punta dritta all’obiettivo. Ha pochi fronzoli, è meno meditativa di un distillato o un vino importanti. Non può che diventare l’icona del progresso sviluppatosi nel secolo scorso.