Il social lending Prestiamoci sbarca in rete

È online su internet il primo social dedicato al mondo dei prestiti: si chiama Prestiamoci, ed è una piattaforma di peer to peer lending, autorizzata e vigilata da Banca d’Italia.

Prestiamoci è la prima realtà che mette in contatto chi vuole investire del denaro, il Prestatore, con chi richiede un prestito, il Richiedente. Un modo nuovo, rapido e veloce per andare incontro alle diverse esigenze che ognuno di noi può avere nel corso della propria vita, facilitando così la realizzazione dei nostri desideri.

Se il Richiedente possiede i requisiti di merito creditizio definiti dalla piattaforma, Prestiamoci inserisce il prestito nel proprio marketplace.
Per la valutazione del merito creditizio, che permetterà poi di offrire tassi d’interesse su misura, Prestiamoci prende in considerazione diversi parametri:
– entità e stabilità dei flussi di reddito disponibili;
– livello di indebitamento;
– comportamento nel pagamento di finanziamenti precedenti;
– altri elementi socio-demografici (quali per esempio l’età, la professione, la residenza, etc.);
– il profilo comportamentale.

In questo modo la piattaforma potrà selezionare i più meritevoli (ovvero i richiedenti che onoreranno il proprio debito) per offrirgli i tassi migliori, così da ridurre al minimo il rischio di esporre la comunità a frodi o insolvenze.

Il Prestatore mette a disposizione un capitale che viene suddiviso in quote di 50 Euro. In questo modo i Prestatori diversificano il proprio portafoglio riducendo il rischio ed ottimizzando il rendimento. È possibile selezionare manualmente i singoli prestiti in attesa di finanziamento già presenti nel marketplace.
Oppure si potrà decidere un rendimento atteso, lasciando alla piattaforma il compito di comporre automaticamente il proprio portafoglio.

Dopo di che Prestiamoci, tramite bonifico, invierà velocemente il denaro del prestito direttamente sul conto corrente del Richiedente.

Ogni mese il Richiedente verserà la propria rata (che sarà sempre la stessa, compresa la prima) tramite addebito diretto SEPA in modo automatico.

Il Prestatore quindi riceverà mensilmente il rimborso delle singole quote investite nei vari finanziamenti, comprensive degli interessi maturati.
Se attiverà la modalità di investimento automatico, potrà poi reinvestire la cassa disponibile, ottimizzando il proprio investimento ed ottenendo maggiori guadagni.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *