Alla Triennale, 10 anni di fotografia

A partire dal 24 novembre fino al 6 dicembre, il Palazzo della Triennale di Milano ospiterà la mostra fotografica "Tempo di Epson. Il Calendario Epson dal 2001 al 2010 - Dieci anni di fotografia italiana in mostra", organizzata da Epson Italia per rendere omaggio ai grandi maestri italiani della fotografia, protagonisti dei suoi calendari realizzati nel decennio che sta per chiudersi.
"Questa è una mostra molto legata sia al tempo che a Epson - commenta Massimo Pizzocri, amministratore delegato di Epson Italia - perché raccoglie le fotografie dei calendari Epson dei primi dieci anni del terzo millennio, una circostanza temporale particolare. La fotografia, inoltre, è a sua volta arte strettamente legata al tempo in quanto ne è sempre testimonianza, in un modo o nell’altro. Se poi è espressa da grandi maestri ne è testimonianza nobile, come in questo caso. Infine, Epson. Epson ha sempre avuto un’attenzione particolare per le arti visive, affini sia alla sua cultura aziendale che alle strategie e alle soluzioni adottate nel settore digital imaging. Per tutti questi motivi, è Tempo di Epson".
Il calendario Epson: un progetto nato nel 2001.
L’idea di un calendario così concepito risale al 2001, a seguito di un felice incontro con Giorgio Lotti. "Volevamo dimostrare ai professionisti dell’immagine - afferma Pizzocri - quali livelli qualitativi si potessero raggiungere con una stampante a getto di inchiostro e quanto questi apparecchi fossero di grande aiuto per la loro attività artistica".
Il calendario Epson è infatti un’opera, unica nel suo genere, dedicata ogni anno ad uno dei grandi autori protagonisti della fotografia italiana. L’autore racconta, attraverso le dodici immagini selezionate, una storia artistica molto personale. Ogni anno cambia lo stile grafico per valorizzare al meglio le caratteristiche delle immagini di ogni maestro.
Il calendario Epson 2010.
Protagoniste del calendario Epson 2010 saranno le fotografie di Vittorio Storaro, tre volte premio Oscar per la fotografia, che si unisce ai grandi nomi che lo hanno preceduto firmando le edizioni precedenti: da Giorgio Lotti nel 2001 a Franco Fontana, Mario De Biasi, Giovanni Gastel, Mimmo Jodice, Ferdinando Scianna, Gian Paolo Barbieri, Gianni Berengo Gardin e Massimo Vitali nel 2009.
Frutto di un’accurata lavorazione artigianale; il calendario è prodotto ogni anno in tiratura limitata e numerata (solo 1.300 copie) ed è diventato nel tempo un oggetto ricercato. Ciascun esemplare riporta dodici stampe originali incollate a mano: una produzione massiccia che impegna per un paio di mesi le stampanti inkjet Epson in grado di garantire la stessa qualità su tutte le 16.000 stampe prodotte su carta fine art o fotografica. La mostra, che si terrà nell’atrio della Triennale, è gratuita e sarà aperta al pubblico dal 24 novembre al 6 dicembre 2009.

F.T.

dal 24 Novembre al 6 Dicembre 2009
Milano, Palazzo della Triennale, Viale Emilio Alemagna 6.
Dalle 10.30-20.30 (Giovedì 10:30 - 23:00)
ingresso libero

 

www.triennale.it
www.epson.it